main

year

themes

architecture

lighting

renovation

design

2008
manfrotto photokina exhibit
köln
CREDITS
TEXT

MANFROTTO PHOTOKINA EXHIBITION

client: Vitec Group

design team:
G.Traverso, P. Vighy, G. Dalla Gassa, V. Rossetto
photo credits:
Francesco Piras
Roberto Bignano
diagrams:
Salottobuono

MANFROTTO PHOTOKINA EXHIBITION 2008

 

Il carattere di temporaneità dell’evento espositivo influisce fortemente sulle scelte di base del progetto: per ottenere un efficace coinvolgimento del visitatore, lo spazio espositivo diventa una stimolante esperienza di emozioni e suggestioni.

 

Lo spazio fisico conserva sempre una fortissima potenzialità di interazione; l’esposizione in fiera rimane un momento importante per la comunicazione a fronte delle moltissime innovazioni tecnologiche in questo campo.

 

Elemento chiave della progettazione è la ricerca di sistemi costruttivi per una riduzione dei consumi; in questo tipo di eventi di breve durata e con allestimenti di spazi di ampia metratura spesso le risorse vengono impiegate senza ponderare sprechi di materiale ed energia.

 

La tecnica costruttiva, che viene utilizzata nella progettazione di questo tipo di eventi internazionali, si serve di strutture portanti modulari in alluminio facilmente reperibili anche in loco e  fondali in tessuto. Questi rivestimenti occupano un volume molto compatto nel trasporto e nello stoccaggio. I materiali impiegati sono eco compatibili, riutilizzabili o riciclati.

 

Lo stand si articola in aree dedicate ai diversi brand aziendali; al loro interno si inserisce il teatro, forma morbida,  dedicato a seminari e racconti di esperienze nel mondo della fotografia.

 

I materiali naturali ne compongono la scenografia: all’esterni sottili pannelli di multistrato sono appesi alla struttura in alluminio e ne seguono la sagoma curva, il tulle nero riveste l’interno. Il pavimento è un tappeto in fibra di cocco dove scatole di cartone diventano sedute ed arredi per pubblico e relatori.

 

Un suggestivo intreccio di sagome aeree, sospese a mezz’aria, accompagna poi il visitatore tra le novità della produzione Manfrotto. A terra i contorni di forme libere sono definiti dalla composizione dei treppiedi in esposizione, nell’aria le stesse forme in tessuto sembrano volteggiare nello spazio.

 

L’obiettivo è di conservare trasparenza, permeabilità e libertà di movimento per il visitatore. Nel momento in cui si attraversa lo spazio dedicato all’esposizione si ha la sensazione di entrare all’interno di un ‘contenitore’ ideale dove immagini e luce creano atmosfere di volta in volta diverse.

 

2008
manfrotto photokina exhibit
köln
CREDITS
TEXT

MANFROTTO PHOTOKINA EXHIBITION

client: Vitec Group

design team:
G.Traverso, P. Vighy, G. Dalla Gassa, V. Rossetto
photo credits:
Francesco Piras
Roberto Bignano
diagrams:
Salottobuono

MANFROTTO PHOTOKINA EXHIBITION 2008

 

The temporary character of the exhibit-event strongly influences the basic choices of the project: in order to effectively involve visitors, the exhibition space becomes a stimulating emotional and provocative experience. Consequently, it reflects particular thought and attention towards potential interaction; trade show exhibits are, in fact, a crucial opportunity for communicating the many technological innovations in this field.

 

A key idea in designing this project was to create construction systems that reduce waste, which in these cases is often overly disproportionate to the physical space and the temporal nature of the event. Therefore, the construction technique for these international presentations relies on canvas backdrops and modular, aluminum frames that can easily be found locally. The materials provide compact transportation and storage of single elements. The materials used are likewise environmentally friendly and can be reused or recycled.

 

The exhibition space is divided into various areas, each dedicated to different company brands. A soft-shaped theatre for seminars and informational events related to photography is set within the stand. Natural materials are used in its set design: thin, plywood panels are hung from the aluminium frame, following the sinuous shape, and black fabric covers the inside walls. A coconut fiber carpet covers the floor and cardboard boxes function as seats and furnishings for both speaker and audience.

 

Shaped, canvas advert panels float above specific areas dedicated to new Manfrotto products. The shape of each floating panel is reflected on the floor below and arrangements of tripods delineate their contour.

 

Transparency, spatial permeability and full physical movement were strategic objectives when considering visitor needs. Visitors, in fact, enter an imaginary “container” where images and lighting create changing moods and environments.